Revamping & Repowering

Cogli le opportunità per ottimizzare le prestazioni del tuo impianto fotovoltaico

Il revamping e repowering oggi è un’opportunità per  l’ammodernamento e la sostituzione dei vecchi impianti, molti dei quali ormai installati una dozzina di anni fa, consentirebbe di ottenere numeri migliori dal punto di vista dell’installato e della produzione di elettricità.

 

La  sostituzione di componenti vecchi, obsoleti o inefficienti di un impianto fotovoltaico con sistemi più recenti e soprattutto efficienti, può portare ad un aumento della potenza complessiva dell’impianto e a un aumento della produzione di energia.

 

Molti impianti sono stati installati ormai vent’anni fa e non sono più al passo rispetto al veloce avanzamento tecnologico e all’utilizzo di nuovi materiali da parte del mercato.

 

Come si effettua un’operazione di repowering?

 

Nel caso di un impianto fotovoltaico, l’intervento di repowering consiste sostanzialmente nel sostituire, i pannelli fotovoltaici, gli inverter e i loro collegamenti elettrici, con l’obiettivo di incrementarne la potenza nominale e la capacità produttiva annua di energia.

Con i moduli fotovoltaici di ultima generazione, grazie alle loro caratteristiche, permetterebbero di aumentare la produzione fotovoltaica italiana di oltre il 40% a parità di suolo occupato.

 

Per il GSE sono ammissibili interventi di sostituzione moduli (revamping) nel rispetto delle seguenti soglie  percentuali di incremento del valore della potenza elettrica nominale dell’impianto: 

 

  • fino al 5%, per gli interventi su impianti con potenza nominale non superiore a 20 kW;
  • fino all’1%, per gli interventi su impianti con potenza nominale superiore a 20 kW.

 

Sono altresì ammissibili anche interventi, regolarmente autorizzati, di repowering che prevedano incrementi di potenza superiori alle suddette soglie, mediante interventi di c.d. potenziamento non incentivato, a condizione che vengano rispettate le condizioni dettagliatamente riportate nelle Procedure ai sensi del DM 23 giugno 2016.

Hai un impianto a terra?

Nella G.U. 228 del 14 Settembre, allegata, è stata pubblicata la legge 120 che ha convertito in legge il D.Leg. 76 di Luglio (decreto semplificazione) e che inserisce novità anche nel campo delle rinnovabili.

 

In particolar modo per gli impianti autorizzati e per impianti esistenti si possono apportare modifiche, anche del layout.

 

Oggi è quindi possibile modificare la tipologia di struttura di sostegno dei pannelli, da fisso a inseguimento (mono/biassiale), fermo restando la verifica del rispetto dei requisiti previsti dallo specifico Decreto “Conto Energia” e della validità dei titoli autorizzativo

Cosa Offriamo per massimizzare le performance

Redazione buisiness plan per la convenienza

Accurata scelta di componenti certificati

 

Sostituzione dei componenti

 

Redazione progetti preliminari per GSE

 

Il nostro approccio è finalizzato sia a fornire una fotografia dello status per una puntuale valutazione del valore dell’investimento, sia ad individuare le attività ed i costi necessari per migliorare l’efficienza degli impianti e generare una crescita di valore dell’investimento nel tempo.

AL MOMENTO LA SUDDETTA AREA NON È ACCESSIBILE

Per qualsiasi richiesta inviaci una mail a c.meccoli@ecosuntekspa.it